Checkupenergetico.comCheckupenergetico.com

Confronta
i migliori
preventivi

Articoli Cappotto termico e coibentazione tetti

Settori

Al via il Bando INAIL 2017 per le imprese: contributi per bonifica amianto

foto news

20 aprile 2017 Cappotto termico e coibentazione tetti

Dal 19 aprile è possibile partecipare al Bando INAIL che mette a disposizione delle aziende fino a 130 mila euro per migliorare la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Buone notizie per le aziende che intendono effettuare interventi per la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro e per salvaguardare la salute dei dipendenti: è partito il bando ISI INAIL per l’anno 2017.

Dal 19 aprile fino al 3 giugno 2017 è possibile registrarsi sul portale INAIL sul quale inserire la domanda online e scaricare il proprio codice identificativo personale per partecipare alle selezioni.

Ecco in breve alcune informazioni utili sul bando, sulle tempistiche e sulla procedura da seguire.

Tipologie di progetti ammessi al bando

Sono ammessi al bando quattro tipi di progetti e interventi che abbiano come fine ultimo l'aumento della sicurezza e la tutela della salute sul luogo di lavoro:

  1. Progetti di investimento
  2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale d’impresa
  3. Interventi per la bonifica dell’amianto
  4. Progetti per micro e piccole imprese di specifici settori

Per quanto riguarda il terzo tipo di intervento, sono tanti ancora i capannoni industriali, in particolare quelli costruiti fino agli inizi degli anni ‘90, ad avere una copertura in amianto (o eternit), il materiale isolante nocivo salito agli onori della cronaca per aver causato innumerevoli decessi.

Per quelle aziende che hanno sede in questi capannoni potrebbe essere arrivato il momento di bonificare le aree in cui questo materiale è presente sfruttando i contributi offerti da questo bando.

Chi può accedere ai contributi

Possono accedere al bando tutte le imprese, anche individuali, che siano iscritte regolarmente alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Ammontare dei contributi

I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento secondo l’ordine di arrivo delle domande.
Il contributo copre il 65% delle spese fino ad un massimo di 130.000 euro per domanda.
Per ottenerlo è necessario superare una verifica tecnico-amministrativa e realizzare effettivamente il progetto.

Tempistiche e procedura da seguire

La partecipazione al bando si svolge in tre fasi fondamentali:

Prima fase:

  • dal 19 aprile fino alle 18:00 del 3 giugno 2017 le imprese devono registrarsi sul portale INAIL, nella sezione "Servizi online";
  • entro il 5 giugno vanno presentate le domande e i progetti;
  • dal 12 giugno le imprese che hanno superato la soglia di ammissibilità prevista possono salvare la domanda e scaricare il proprio codice identificativo univoco.

Seconda fase:

  • le imprese possono inviare attraverso lo sportello informatico la domanda per il finanziamento con il codice idenfiticativo scaricato (date e orari di apertura dello sportello verranno pubblicati sul sito INAIL a partire dal 12 giugno).
    entro sette giorni dalla fine della fase di invio verranno pubblicati gli elenchi delle domande inoltrate in ordine cronologico e di quelle ammissibili al finanziamento.

Terza fase:

  • entro trenta giorni dal quello successivo alla pubblicazione dell'elenco in ordine cronologico delle domande, le imprese ammesse al finanziamento devono inviare la domanda salvata nella prima fase e tutti i documenti indicati nell'Avviso pubblico.

Potete trovare maggiori informazioni alla pagina ufficiale del bando sul sito INAIL.

Opportunità per chi effettua questo intervento

Chi decide di effettuare la rimozione di una copertura in amianto può decidere di approfittarne per effettuare ulteriori interventi come la coibentazione del tetto o l’installazione di un impianto fotovoltaico. In questo modo si può migliorare ulteriormente il benessere degli ambienti interni e l’efficienza energetica dell’edificio con la possibilità di accedere alle detrazioni fiscali previste dall’Ecobonus e dal Bonus Ristrutturazioni.

 

Richiedi un preventivo per interventi di rimozione amianto:
ti mettiamo in contatto con i migliori specialisti nella tua zona


Può interessarti anche