Checkupenergetico.comCheckupenergetico.com

Confronta
i migliori
preventivi

Articoli Fotovoltaico / Energie rinnovabili

Settori

Come scegliere le batterie di accumulo?

foto news

23 ottobre 2017 Fotovoltaico / Energie rinnovabili

Stai pensando se installare un sistema di accumulo per il fotovoltaico? Valuta le caratteristiche tecniche per scegliere le migliori batterie di accumulo.

Un'esigenza comune è proprio quella di voler continuare a sfruttare il proprio impianto fotovoltaico anche nelle ore in cui non produce energia. A questo "problema" si può avere un'unica soluzione: le batterie di accumulo. Scopri a cosa servono, come funzionano e quanto possono influire sui prezzi di un impianto e sul risparmio in bolletta.

 

A cosa serve una batteria di accumulo?

I sistemi di accumulo per impianti fotovoltaici consentono di immagazzinare energia elettrica già convertita (dall’inverter) è di utilizzarla successivamente in base alle esigenze, nel momento in cui i pannelli non lavorano (per esempio durante la notte).
E’ durante le ore serali che viene consumata più energia elettrica e quindi i consumi sono maggiori così come i costi in bolletta, ma con l'installazione di un sistema di accumulo fotovoltaico potrai continuare a risparmiare sfruttando energia “tua”.

L’energia verrà quindi prodotta durante il giorno (anche in condizioni avverse) venendo suddivisa in questo modo:

  • Una parte verrà utilizzata per i consumi diurni
  • Una parte verrà conservata nelle batterie di accumulo
  • Una parte, se le batterie sono completamente cariche, verrà immessa in rete tramite lo “scambio sul posto”

Quando tramonta il sole l’impianto non funzionerà (=non produrrà energia) potrai quindi avere energia in 2 modi:

  • consumando l’energia elettrica della rete
  • sfruttando l’energia accumulata durante il giorno nelle batterie.

L’impianto fotovoltaico infatti potrà essere agganciato anche alla rete elettrica tradizionale, sia per usufruirne in caso di non funzionamento dell’impianto, sia per “rivendere” l’energia prodotta alla rete comune. Vi sono tuttavia anche impianti “a isola” detti “stand alone” che si autoalimentano e funzionano solo con l’energia prodotta dai pannelli, quindi non è obbligatorio il collegamento alla rete tradizionale.

Per capire quanto puoi risparmiare grazie al fotovoltaico puoi aiutarti con il nostro simulatore!

 

Batterie di accumulo a litio vs batterie a piombo gel

In commercio esistono diverse tipologie di sistemi di accumulo, suddivise per tipologia, capacità, durata ed efficienza (ossia il rapporto tra quanto la batteria riesce a immagazzinare e quanto riesce a cedere nel momento della richiesta):

  • le migliori in termini di efficienza e durata sono le batterie di accumulo a litio: hanno una durata media di 10/12 anni e sono efficienti almeno all’80%. Quindi per immagazzinare 4 kW al giorno (in media il consumo di una famiglia di 3 persone) andrà bene una batteria di 5 kW;
  • altri tipi di batterie (che non consigliamo) sono quelle a piombo o a piombo/gel: costano meno ma sono meno performanti, durano in media 2/3 anni le prime, 5 le seconde e immagazzinano il 50% dell’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico. Per i 4 kW al giorno quindi servirebbe una batteria di almeno 8 kW.

Valutare una buona batteria al litio quindi conviene per 2 motivi: le migliori performance permettono un risparmio maggiore in bolletta e godono di detrazioni fiscali con cui rientrare dall’investimento in pochi anni.

 

Potenza e Capacità di una batteria di accumulo

Sono 2 gli elementi fondamentali nel momento della scelta di un sistema di accumulo:

  • la potenza di una batteria, cioè la quantità di energia che riesce a rilasciare quando viene richiesta, ossia quando, per esempio, sono contemporaneamente accesi forno, lavatrice, tv, pc e lavastoviglie. E' indicata sulla scheda tecnica del prodotto in Watt.
  • la capacità, ossia la quantità di energia che la batteria riesce a stoccare, è indicata in Wattora.

Prima di acquistare un sistema di accumulo quindi vi consigliamo di leggere attentemente le specifiche tecniche di ogni prodotto!

 

Che cos'è la profondità di scarica?

Premettendo che un sistema di accumulo non deve mai essere completamente scarico, nella scelta di una batteria è importante, inoltre, valutare anche la “profondità di scarica”. Questo parametro indica il livello al quale una batteria ricomincia a caricarsi. Se per esempio una batteria ha una profondità di scarico del 30% potrà essere ricaricata non appena arriverà a quel livello di scarica.

 

Quanto costano le batterie di accumulo? Quanto dura un sistema di accumulo fotovoltaico? Quali sono le migliori marche di batterie fotovoltaiche? Ti aiutiamo a trovare quella più adatta a te! Abbiamo stilato una nostra personale classifica delle migliori in commercio.


Ricorda però che per avere un’esatta valutazione è necessario affidarsi ad un esperto che possa consigliarti e giudicare insieme a te quale sia la migliore soluzione per un sistema di accumulo su misura!


Può interessarti anche